Introduzione a World of Warcraft – Creazione del Personaggio

World of Warcraft, spesso abbreviato WoW, è un MMORPG (Massive Multiplayer Online Role-Playing Game) ambientato nell’immaginario universo di Warcraft, dove due fazioni, l’Orda e l’Alleanza, si danno battaglia da tempo immemore. Con il vostro personaggio, che farà parte di una o dell’altra fazione, vi farete strada tra le regioni dei mondi di Azeroth, delle Terre Esterne, e di Draenor e vi imbatterete nelle creature che li popolano. Come ogni MMO il videogioco è unicamente online, quindi ogni altro personaggio che incontrerete sarà un giocatore proprio come voi.


Scelta del Reame

La prima grande scelta che dovrete fare su World of Warcraft è quella del reame.

I personaggi sullo stesso reame possono commerciare fra di loro, spedirsi oggetti via posta e fare parte della stessa gilda, azioni non consentite con personaggi di reami diversi.

Se avete un amico che ha già creato un personaggio considerate quindi di scegliere il suo reame per poter sfruttare in pieno le potenzialità del gioco assieme a lui. Se non sceglierete il suo reame potrete comunque comunicare tramite il pannello social di Battle.net e giocare assieme formando un gruppo (party) all’interno del gioco. Oltre ad affrontare le spedizioni, di cui parleremo più avanti, sarete in grado di livellare i vostri personaggi nella medesima zona, poiché, quando in gruppo, uno dei due giocatori verrà sempre trasferito momentaneamente sul reame dell’altro.

Se avete intenzione di giocare con un amico date un’occhiata al programma recluta un amico.

Al momento della scelta del reame noterete, guardando la barra in basso, che questi sono divisi per lingue: inglese, tedesco, francese, spagnolo, russo, italiano. La lingua del reame non deve per forza essere la lingua in cui è settato il vostro client, è però la lingua che dovrete utilizzare per parlare con gli altri giocatori.

Gli aspetti più importanti da prendere in considerazione sono il tipo di reame e la popolazione.

Esistono quattro tipi di reami:

  • Normale o PvA (Personaggio vs Ambiente): consigliato per i nuovi giocatori, questo tipo di reame è rilassante e non abilita di default il combattimento con altri giocatori della fazione opposta nelle terre contestate;
  • PvP (Personaggio vs Personaggio): al contrario di quelli PvA, nei reami PvP il combattimento con giocatori della fazione opposta è abilitato, per cui il vostro personaggio può essere attaccato in qualunque momento, dando vita a quello che è comunemente conosciuto come World PvP. In Battle for Azeroth la distinzione tra i reami PvP e reami PvA verrà rimossa, e il PvP potrà essere attivato cliccando sul ritratto del vostro personaggio nelle città capitali;
  • GdR (Gioco di Ruolo): in questo tipo di reami (chiamati anche RP, o roleplaying in lingua inglese) siete incoraggiati, non obbligati, a calarvi nella parte del vostro personaggio. Questi reami sono “governati” da regole di gioco di ruolo aggiuntive su comportamento e nomi;
  • GdR-PvP (Gioco di Ruolo-Personaggio vs Personaggio): quest’ultimo è l’unione di GdR e PvP. Similmente a quanto menzionato per i reami PvP, in Battle for Azeroth la distinzione tra i reami RP e reami RPPVP verrà rimossa.

La popolazione dà un’idea della quantità di giocatori presenti tramite diciture bassa, media, alta. Nuovi Giocatori sta ad indicare che un determinato reame è considerato valido per chi si è appena affacciato al gioco. L’aspetto più importante della popolazione di un reame è la divisione dei giocatori tra Alleanza e Orda: informatevi bene prima di scegliere, altrimenti potreste ritrovarvi a giocare una fazione quasi inutilizzata rispetto all’altra. Il numero totale di giocatori ha invece un impatto notevole sull’economia, sugli oggetti inseriti e comprati in asta.

Per quanto riguarda la presenza di giocatori nelle varie regioni o nelle capitali, oltre a quelli del reame di appartenenza, troverete spesso giocatori provenienti da altri, riconoscibili dall’asterisco a fianco al nome del loro personaggio. Questo è avviene grazie alle Zone Multi-Reame presenti in tutto il mondo di Warcraft dove giocatori di specifici reami vengono uniti dai sistemi al fine di rendere più vive e affollate le zone.

I due reami italiani sono Pozzo dell’Eternità (PvA) e Nemesis (PvP). A giugno 2018, il primo risulta meno popolato e a prevalenza Alleanza, il secondo più popolato e a prevalenza Orda.

Creazione  del Personaggio

Al momento della creazione del personaggio vi troverete davanti alla schermata dell’immagine.

Sulla sinistra, nella colonna con lo sfondo blu, si trovano le razze dell’Alleanza, a destra, in quella con lo sfondo rosso, si trovano quelle dell’Orda. In fondo, al centro, si trovano i Pandaren. I Pandaren in quanto neutrali possono far parte sia dell’Orda sia dell’Alleanza.

Dalla razza scelta per il vostro personaggio dipendono classe e tratti razziali, ossia abilità passive ed attive esclusive.

  • Razze

Icona AlleanzaALLEANZA

Umani: sono una razza giovane e versatile, sono esperti nel combattimento e nell’artigianato con una spiccata propensione per le arti magiche. Spinti dal loro valore e dal loro ottimismo, gli Umani hanno costruito alcuni tra i più magnifici regni di Azeroth. In questa travagliata era, dopo secoli di conflitti, cercano di tornare alla loro passata gloria forgiandosi un brillante futuro.

Tratti razziali: Diplomazia, Spirito Umano, Volontà di Ferro

Nani: in tempi passati, i Nani si curavano solo delle ricchezze sepolte nelle profondità della terra. Quando però emersero le prove che una razza semi-divina li aveva creati, i Nani si lanciarono alla ricerca delle loro origini, studiando le antiche tradizioni e ricercando manufatti perduti. Oggi gli archeologi dei Nani sono sparsi su tutto il territorio di Azeroth

Tratti razziali: Esplorazione, Forma di Pietra, Resistenza al Gelo, Vigore della Montagna

Elfi della Notte: diecimila anni fa, gli Elfi della Notte fondarono un vasto impero ma il loro spregiudicato uso della magia li portò alla rovina. Con grande rimpianto, si ritirarono nelle foreste in eremitaggio fino al ritorno del loro antico nemico, la Legione Infuocata. Senza altra possibilità se non quella di combattere gli Elfi della Notte hanno finalmente interrotto il loro isolamento per combattere e trovare un nuovo posto nel mondo.

Tratti razziali: Fondersi nelle Ombre, Rapidità, Resistenza alla Natura, Spirito di Fuoco Fatuo, Tocco di Elune

Gnomi:  nonostante la loro bassa statura, gli abili Gnomi di Khaz Modan hanno saputo sfruttare al meglio la loro grande intelligenza per guadagnarsi un posto nella storia. Il loro regno sotterraneo di Gnomeragan è l’apice della tecnologia a vapore, e le loro abilità come ingegneri e praticanti delle arti arcane si sono rivelate un vantaggio fondamentale per l’Alleanza in numerose campagne.

Tratti razziali: Apertura Mentale (la risorsa rigenerata cambia in base alla classe che utilizzate), Artista della Fuga, Dita Veloci, Resistenza all’Arcano, Specializzazione: Ingegneria

Draenei: esuli di Argus, il loro mondo natale, i leali Draenei fuggirono per eoni dalla Legione Infuocata prima di trovare un remoto pianeta sul quale stabilirsi. Condivisero questo mondo, che chiamarono Draenor, con la popolazione sciamanica degli Orchi, ma col tempo la Legione riuscì a corrompere gli Orchi che attaccarono e sterminarono i pacifici Draenei. Solo pochi fortunati si sono salvati fuggendo su Azeroth, dove cercano alleati per combattere la Legione Infuocata.

Tratti razziali: Dono dei Naaru, Presenza Eroica, Resistenza all’Ombra, Specializzazione: Oreficeria

Worgen: Inizialmente i Worgen vennero scatenati sui Regni Orientali dall’Arcimago Arugal durante la Terza Guerra, usati principalmente come arma contro il Flagello. La misteriosa maledizione che circondava queste creature dalle sembianze di lupo cominciò a diffondersi tra gli Umani di Lordaeron, trasformandoli a loro volta in Worgen. La maledizione si propagò rapidamente, raggiungendo Gilneas e intrappolando gli abitanti all’interno delle stesse mura costruite per proteggerli. I sopravvissuti alla maledizione ora cercano un modo per sovvertire il fato della loro gente: il loro destino deve ancora compiersi…

Tratti razziali: Aberrazione, Corsa Animalesca, Doppia Forma, Forma Alterata, Malevolenza, Scatto Oscuro, Specializzazione: Scuoiatura

Icona OrdaORDA

Orchi: gli Orchi provengono dal pianeta Draenor. Un tempo pacifici e dediti allo sciamanesimo, vennero schiavizzati dalla Legione Infuocata e costretti a combattere contro gli Umani di Azeroth. Dopo molti anni, gli Orchi sono finalmente riusciti a sfuggire alla corruzione dei demoni e a riconquistare la propria libertà. Ora combattono con onore su un mondo alieno che li odia e li oltraggia.

Tratti razziali: Audacia, Comando, Furia Sanguinaria (la risorsa incrementata cambia in base alla classe che utilizzate)

Non Morti: un tempo schiavi decerebrati del terribile Re dei Lich, i raccapriccianti Reietti si ribellarono al suo gioco e ora sono fedeli a Sylvanas, la spietata Regina Banshee; sotto il suo comando, l’esercito dei Reietti ha reclamato per sé il decaduto regno di Lordaeron. Ogni giorno è una sfida contro gli Umani che desiderano spazzarli via, nonché un braccio di ferro con gli alleati dell’Orda, diffidenti delle oscure macchinazioni dei Non Morti.

Tratti razziali: Cannibalismo, Resistenza all’Ombra, Tocco Tombale, Volontà dei Reietti

Tauren: i Tauren si sono sempre impegnati a mantenere l’equilibrio della natura e a rispettare i dettami della loro dea, la Madre Terra. Molte delle tribù nomadi dei Tauren si riunirono sotto un unico vessillo per fondare una nazione nelle fertili pianure di Mulgore. Se non fosse stato per il tempestiv

o intervento degli Orchi, la loro razza sarebbe stata spazzata via dai Centauri. I Tauren onorano il loro debito di sangue ancor oggi, combattendo a fianco dell’Orda per proteggere la propria terra.

Tratti razziali: Forza Muscolare, Resistenza alla Natura, Specializzazione: Erbalismo, Vigore, Zoccolo di Guerra

Troll: originari delle giungle di Rovotorto, i feroci Troll delle tribù Lanciascura erano in costante conflitto con numerose fazioni nemiche. L’Orda degli Orchi venne in loro aiuto, convincendo i Lanciascura ad attraversare il Grande Mare e a stanziarsi nelle indomite terre di Kalimdor. Benché restino fedeli al loro oscuro retaggio, i Lanciascura credono fermamente in un’Orda unita, mettendo a disposizione le proprie forze e le magie tribali per la causa comune.

Tratti razziali: Berserker, Cacciatore di Bestie, Passo Vudù, Rigenerazione

Elfi del Sangue: molto tempo fa, i maestosi Alti Elfi fondarono la splendida città di Quel’Thalas attorno alla fonte magica nota come il Pozzo Solare. Quando il Re dei Lich distrusse la loro capitale nella Terza Guerra, i sopravvissuti si rivolsero all’Orda in cerca di aiuto. Ora noti come Elfi del Sangue, questi profughi sono tutto ciò che resta della loro gloriosa civiltà. Bramano ricostruire Quel’Thalas e combattere la dipendenza dalle stesse energie arcane che sfruttarono per costruire il proprio impero.

Tratti razziali: Intuito Arcano, Resistenza all’Arcano, Specializzazione: Incantamento, Torrente Arcano (la risorsa rigenerata cambia in base alla classe che utilizzate)

Goblin: originariamente schiavi dei Troll della giungla sull’isola di Kezan, i Goblin furono costretti a lavorare nelle miniere di Kaja’mite di Cavafonda, nei profondi recessi del Monte Kajaro. All’insaputa di tutti, il minerale aveva proprietà magiche che determinarono una rapida crescita dell’intelligenza e della furbizia dei Goblin. Progettando in sefreto potenti prodigi di ingegneria e misteriosi prodotti alchemici, i Goblin si liberarono dal gioco dei Troll, impadronendosi dell’isola e facendone la loro casa. Versati nell’arte del commercio, i loro numerosi cartelli dominano il mondo mercantile di Azeroth.

Tratti razziali: Il Tempo è Denaro, Ottimi Affari, Raffica di Razzi, Richiamo Hobgoblin, Salto Propulsivo, Specializzazione: Alchimia

NEUTRALI

Pandaren: nascosto dalle nebbie per eoni, l’antico regno di Pandaria è rimasto intoccato dalla guerra. Ora che è stato riscoperto, gli eroi Pandaren dovranno decidere se giurare fedeltà all’Orda o all’Alleanza. I più avventurosi tra i Pandaren provengono dall’Isola Errante, una misteriosa terra separata dal resto di Azeroth e da Pandaria stessa.

Dopo aver completato le missioni introduttive nell’Isola Errante deciderete direttamente voi se vorrete far parte dell’Orda o dell’Alleanza.

In aggiunta a queste razze ci sono le Razze Alleate. Non le abbiamo elencate qui in quanto, al momento, per sbloccarle è necessario avere almeno un personaggio al livello 110. Potete leggere di più sulle razze alleate in questa guida.

  • Classi

Ogni classe ha a disposizione differenti set di abilità, risorse, attributi, armi e armature, ma soprattutto un diverso stile di gioco che si adatta ad uno dei ruoli disponibili per la vostra classe. I ruoli sono tre: difensore (tank), guaritore (healer) e assaltatore (DPS).

I difensori  giocano in mischia (melee) e concentrano l’attenzione dei nemici su di loro, sono dunque predisposti a sopportare ingenti quantità di danno. I guaritori  lanciano principalmente incantesimi (spell) per curare sé stessi e gli alleati. Possono anche danneggiare i nemici in maniera molto limitata con attacchi da mischia o magie a distanza (ranged) nel caso di alcune classi. Gli assaltatori sono in grado di infliggere danno ai nemici. Gli assaltatori che prediligono gli attacchi fisici sono chiamati assaltatori in mischia (melee), quelli che utilizzano armi di tiro o magie stando a distanza dal nemico sono detti assaltatori a distanza (ranged) o assaltatori a distanza magici (caster).

Vediamo ora le classi giocabili. Tenete in considerazione che i Cavalieri della Morte cominciano la loro avventura dal livello 55 e i Cacciatori di Demoni dal 98. Questi ultimi, per essere creati, richiedono la presenza sul vostro account di almeno un personaggio di livello 70 o superiore. 

simbolo classe cacciatore Cacciatore (Hunter)

Ruolo: assaltatore in mischia o assaltatore a distanza

Risorse: focus

Armatura consigliato: maglia (mail)

I Cacciatori prediligono il combattimento a distanza, inviando i propri famigli contro i nemici mentre lanciano dardi micidiali o usano potenti armi da fuoco. Queste armi, nelle mani di un Cacciatore, sono estremamente efficaci sia negli scontri a distanza che in quelli in mischia. Inoltre i Cacciatori sono molto agili, e possono non solo fuggire dai nemici ma anche intrappolarli, così da controllare il campo di battaglia.

simbolo classe cacciatore di demoni Cacciatore di Demoni (Demon Hunter)

Ruolo: difensore o assaltatore in mischia

Risorse: furia (fury)

Armatura consigliata: cuoio (leather)

Ignorando le armature più pesanti, i Cacciatori di Demoni si concentrano sulla velocità e si avvicinano rapidamente ai nemici per colpirli con armi a una mano. Gli Illidariani sfruttano la loro agilità anche a scopo difensivo, per assicurarsi il vantaggio in battaglia.

simbolo classe cavaliere della morte Cavaliere della Morte (Death Knight)

Ruolo: difensore o assaltatore in mischia

Risorse: potere runico (runic power), rune (runes)

Armatura consigliata: piastre (plate)

I Cavalieri della Morte attaccano a distanza ravvicinata, combinando i fendenti delle proprie armi a magie oscure che rendono i nemici vulnerabili o li danneggiano con potenza empia. Costringendo gli avversari ad affrontare duelli uno contro uno, riescono ad allontanarli dagli alleati più deboli. Per impedire ai nemici di fuggire, i Cavalieri della Morte devono sfruttare al meglio il potere derivante dalle rune e avere una solida strategia d’attacco.

simbolo classe druido Druido (Druid)

Ruolo: difensore, guaritore, assaltatore a distanza o assaltatore in mischia

Risorse: mana (mana), rabbia (rage), energia (energy), potere astrale (astral power)

Armatura consigliata: cuoio (leather)

I Druidi sono combattenti versatili che possono ricoprire efficacemente il ruolo di guaritori, difensori o assaltatori. Per loro è essenziale scegliere la forma più adatta alla situazione, in quanto ognuna di esse ha una funzione specifica.

simbolo classe guerriero Guerriero (Warrior)

Ruolo: difensore o assaltatore in mischia

Risorse: rabbia (rage)

Armatura consigliata: piastre (plate)

I Guerrieri scelgono il miglior equipaggiamento disponibile e affrontano i nemici a viso aperto, senza preoccuparsi di ammaccare le proprie pesanti armature. Inoltre, proteggono gli alleati più vulnerabili con varie tattiche di battaglia e un ampio repertorio di armi. Per essere davvero efficaci devono gestire al meglio la propria rabbia, ovvero la risorsa che alimenta i loro attacchi più potenti.

simbolo classe ladro Ladro (Rogue)

Ruolo: assaltatore in mischia

Risorse: energia (energy), punti combo (combo points)

Armatura consigliata: cuoio (leather)

I Ladri amano iniziare i combattimenti con un attacco a sorpresa seguito da tremendi assalti in mischia. Nelle battaglie più lunghe studiano la sequenza di attacchi più efficace per indebolire il nemico prima di assestargli il colpo di grazia. I Ladri devono scegliere attentamente i bersagli per creare combinazioni sempre più letali, tornando a nascondersi nell’ombra o fuggendo dalla battaglia se la situazione non volge a loro favore.

simbolo classe mago Mago (Mage)

Ruolo: assaltatore magico a distanza

Risorse: mana

Armatura consigliata: stoffa (cloth)

I Maghi annientano i nemici con incantesimi arcani offensivi, ma sono particolarmente vulnerabili agli attacchi ravvicinati per via delle loro limitate capacità difensive. Per questo motivo devono fare il possibile per immobilizzare o tenere i nemici a debita distanza.

simbolo classe monaco Monaco (Monk)

Ruolo: difensore, guaritore o assaltatore in mischia

Risorse: chi, energia (energy), mana

Armatura consigliata: cuoio (leather)

Qualunque sia il loro ruolo, i Monaci si affidano principalmente a mani e piedi, ed è la forte connessione con il loro chi interiore ad alimentare il loro potere. Abilità come Espulsione del Dolore e Ondata del Chi curano i loro alleati infliggendo al contempo danni ai nemici.

simbolo classe paladino Paladino (Paladin)

Ruolo: difensore, guaritore, assaltatore in mischia

Risorse: mana, potere sacro (holy power)

Armatura consigliata: piastre (plate)

I Paladini fronteggiano gli avversari a testa alta e sopravvivono ai loro attacchi grazie alle armature pesanti e alle abilità di cura in loro possesso. Con scudi colossali o devastanti armi a due mani, i Paladini si ergono in difesa degli alleati più deboli e in caso di necessità li curano per assicurarsi che possano contribuire alla battaglia.

simbolo classe sacerdote Sacerdote (Priest)

Ruolo: guaritore, assaltatore magico a distanza

Risorse: mana, follia (insanity)

Armatura consigliata: stoffa (cloth)

I Sacerdoti usano potenti magie di cura per fortificare se stessi e gli alleati. Sono dotati di eccellenti incantesimi offensivi a distanza, ma con la loro armatura leggera e un’innata fragilità fisica possono essere facilmente sopraffatti dai nemici. I Sacerdoti più esperti capiscono quando è il momento di passare all’attacco o di concentrarsi sulla cura del gruppo.

simbolo classe sciamano Sciamano (Shaman)

Ruolo: guaritore, assaltatore in mischia o assaltatore a distanza

Risorse: mana, maelstrom

Armatura consigliata: maglia (mail)

In battaglia, gli Sciamani posizionano totem molto utili per controllare e danneggiare i nemici presenti. Con le loro abilità di combattimento possono sopravvivere anche a violenti scontri ravvicinati, ma gli Sciamani più abili sono quelli che scelgono gli attacchi in base ai punti di forza e alle debolezze degli avversari.

simbolo classe stregone Stregone (Warlock)

Ruolo: assaltatore magico a distanza

Risorse: mana, frammenti d’anima (soul fragments)

Armatura consigliata: stoffa (cloth)

Gli Stregoni si accaniscono sui nemici indeboliti con una combinazione di incantesimi oscuri ed effetti debilitanti. Grazie alla protezione e al potenziamento garantiti dai demoni al loro servizio, gli Stregoni possono attaccare restando a distanza di sicurezza. Essendo incantatori fisicamente deboli e dall’armatura leggera, devono schierare i demoni in prima linea e lasciare che i nemici si concentrino su di essi.

Qui sotto trovate una tabella con le combinazioni razza-classe disponibili.

 simbolo classe cacciatoresimbolo classe cacciatore di demonisimbolo classe cavaliere della mortesimbolo classe druidosimbolo classe guerrierosimbolo classe ladrosimbolo classe magosimbolo classe monacosimbolo classe paladinosimbolo classe sacerdotesimbolo classe sciamanosimbolo classe stregone
Icona Alleanza Umani
Icona Alleanza Nani
Icona Alleanza Elfi della Notte
Icona Alleanza Gnomi
Icona Alleanza Draenei
Icona Alleanza Worgen
Icona Orda Orchi
Icona Orda Non Morti
Icona Orda Tauren
Icona Orda Troll
Icona Orda Elfi del Sangue
Icona Orda Goblin
Icona AlleanzaIcona Orda Pandaren

Scuola di Classe

Nella schermata iniziale è possibile selezionare la funzionalità “Scuola di Classe”.

La menzioniamo in questa guida per completezza, pur segnalando ai nuovi giocatori che ne sconsigliamo l’utilizzo.

Questa vi permette di provare un personaggio già al livello 100 all’interno di uno scenario nel quale prenderete familiarità con le abilità base della classe scelta. Dopo averlo terminato, se desiderate continuare con quel personaggio, basterà applicare il potenziamento istantaneo al livello 110 per continuare la vostra avventura.

 

 

Utilizzo del Potenziamento

Ci sono due scuole di pensiero sul come livellare il primo personaggio:

c’è chi pensa che la progressione di livello (levelling) vada fatta con calma esplorando il bellissimo e vastissimo mondo che è World of Warcraft, e chi pensa che sia meglio arrivare dritti al sodo, perché tanto la modalità di gioco fra levelling ed il livello massimo cambia drasticamente e una volta arrivati al livello massimo bisogna comunque reimparare tutto.

Ritrovarsi dal nulla con un personaggio al massimo livello può risultare abbastanza complicato se non si conoscono le meccaniche base del gioco, ma non è impossibile.

Noi dello staff di GGWP.it siamo dell’idea che livellare un personaggio a partire dal livello 1 sia la cosa migliore da fare quando si inizia a giocare a WoW. Così facendo avrete modo di prendere dimestichezza con i comandi di gioco e con le meccaniche più basilari, in più non rischierete di essere riempiti di troppe informazioni e nozioni ricevute tutte insieme, che potrebbero peggiorare la vostra esperienza di gioco.

Vi sconsigliamo quindi di utilizzare il potenziamento sul primo personaggio, tenetelo da parte per il secondo, ovvero il vostro “alt!

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *